Phàsis | 2



Phàsis n. 2 – Catastrophe

Rivista Phàsis

Anno 2014

Numero: 2

ISBN: 9788898694013

Pagine: 210

Formato: 16x23 cm

Prezzo € 20,00

Compra cartaceo su IBS

Compra cartaceo su Amazon

Compa ebook su Google Play

Compra ebook su Torrossa

Danielle Cohen-Levinas, Gianfranco Dalmasso, Jean-Luc Nancy, Elio Matassi*, Tomokazu Baba, Anna Donise, Serge Margel, Peter Szendy, Zoran Dimić, Felix Duque, Alberto Pucheu, Michael Holland, Susanna Lindberg, Yuji Nishiyama, Yotetsu Tonaki, Jérôme Lèbre, Dino Quartana.

Catastrophe

Sommaire

Editorial Danielle Cohen-Levinas, Gianfranco Dalmasso

Jean-Luc Nancy C’est la catastrophe ! Entretien avec Danielle Cohen-Levinas

Elio Matassi* La figura impossibile e la catastrofe: Kierkegaard, Mozart e “l’assolutamente musicale”

Tomokazu Baba Philosophes à l’écoute dans la catastrophe continue

Anna Donise L’apocalisse in una "prospettiva antropologica unitaria". Ernesto De Martino tra cultura e psicopatologia

Serge Margel L’avenir des catastrophes. Sur l’hypothèse politique du principe de précaution

Peter Szendy Cinefactus, ou : le cinéma et ses cendres

Zoran Dimić Catastrophe and Humanity

Felix Duque De las ventajas y desventajas del terrorismo para la vida (cotidiana)

Alberto Pucheu Autobiografia no abismo de um enjambement

Michael Holland Le silence de la guerre

Susanna Lindberg Cosmopolis, Cosmopolemos: Sur la guerre discrète

Yuji Nishiyama et Yotetsu Tonaki Questions à Jean-Luc Nancy

Jérôme Lèbre Architecture nucléaire/post nucléaire : construire dans la catastrophe

Dino Quartana Intervention graphique

Elio Matassi ci ha lasciato nel mese di ottobre del 2013. Un improvviso attacco cardiaco ha stroncato la sua vita. L’esperienza di InSchibboleth non sarebbe nata senza il suo apporto, la sua intelligenza viva e curiosa, il suo impegno amichevole. La redazione di Inschibboleth è grata per averlo conosciuto. Non dimenticheremo la sua passione intelligente per le cose, l’impegno senza risparmio, la generosità e la fiducia nell’amicizia, l’ironia e il disincanto delle sue piccole vanità. Non dimenticheremo il suo sorriso e il gesto affettuoso con cui attraversava la complicazione del mondo, la sua memoria sempre vigile, senza mai ombre o rancori. La musica era davvero la sua anima. Segnava la profonda leggerezza con cui sapeva affrontare ogni cosa, il felice talento con cui dirimeva contrasti difficili e laceranti, la forza con cui raddoppiava il suo tempo e lo rilanciava in avanti, la fiducia nell’avvenire. Lascia un grande e irrimediabile vuoto nel panorama della filosofia italiana. Gli amici di Inschibboleth non ti dimenticheranno caro Elio.


Potrebbe interessarti anche

© 2018 - by Inschibboleth edizioni

di Inschibboleth soc. coop. 

info@inschibbolethedizioni.com

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle