© 2018 - by Inschibboleth edizioni

di Inschibboleth soc. coop. 

info@inschibbolethedizioni.com

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle

Passages | 2

 

Marco Fortunato

 

Decisione — Indecisione

Dramma della decisione

e utopia dell’indecisione

 

Collana Passages

Anno 2013

ISBN: 9788890700682

Pagine: 252

Formato: 15x21 cm

Prezzo € 22,00

 

 

 

Compra cartaceo su IBS

Compra cartaceo su Amazon

 

Compra e-book su Google libri

Compra e-book su Torrossa

 

 

Dalla quarta di copertina:

 

Protagonista di questo libro non è il soggetto, in realtà inesistente, che prende decisioni dispiegando la sua libertà, bensì quello che esiste davvero, cioè il soggetto de-ciso che, come indica la derivazione di “decidere” dal latino caedere=strappare via, è chiamato alla vita e la inizia venendo divelto dal corpo della madre o, se si preferisce, di-staccandosi dal tutto-niente dell’indifferenziato e così individuandosi-identificandosi.
Da un lato, il soggetto de-ciso, in quanto si origina di-staccandosi, sta fuori-contro l’altro e gli altri da sé, deve difendersene ed è indotto ad attaccarli. D’altro lato, è solo con se stesso e quindi costantemente in ascolto della sua autocoscienza, da cui riceve una notizia essenziale: che è finito, destinato a morire. In risposta al primo problema, il de-ciso decide, cioè riduce parola e concetto a sue “protesi” ricavandone quelle grandiose costruzioni che sono i sistemi filosofico-scientifici, il più complesso dei quali, quello dialettico, nella sintesi decide il passaggio dal puro dire alla prassi; e questa, organizzata in tecnoscienza, soggioga il mondo. In risposta al secondo problema, il de-ciso cerca conforto e oblio in stati di con-fusione nel sovra-individuale o di aperta destituzione dell’individualità: di tali stati di in-decisione questo libro offre una rassegna in un percorso saggistico tra filosofia, letteratura e cinema che tocca La persuasione e la rettorica di Michelstaedter, L’uomo senza qualità di Musil e Gruppo di famiglia in un interno di Luchino Visconti. Proprio il saggismo si rivela il più alto modello di in-decisione: in particolare, il saggismo filosofico improntato alla dialettica diadica di Adorno. Esso, non approdando alla sintesi, nega il nulla osta al debordare della teoria nella violenza della prassi; e, grazie alla “frenesia” della scrittura adorniana, allestisce una pagina in cui talora tesi e antitesi sono condotte a una tale contiguità spaziale che quasi si “incorporano” l’una nell’altra fino a risultare indistinguibili, impedire ogni individuazione e togliere così il dramma della de-cisione.

 

Sull'autore:

 

Marco Fortunato si è occupato della problematica esistenziale, dei temi del pensiero negativo, del valore della dialettica e dei rapporti tra filosofia, letteratura e cinema. È autore di Il soggetto e la necessità. Akronos, Leopardi, Nietzsche e il problema del dolore (1994), Il mondo giudicato. L’immediato e la distanza nel pensiero di Rensi e di Kierkegaard (1998), Alternative alla vita. Esistenza e filosofia (2004), La protesta e l’impossibile. Cinque saggi su Michelstaedter (2013).

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Potrebbe interessarti anche
Please reload