© 2018 - by Inschibboleth edizioni

di Inschibboleth soc. coop. 

info@inschibbolethedizioni.com

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle

Au dedans | 3

 

 

 

Miguel Abensour

 

Emmanuel Levinas.

L’intrigo dell’umano.

 

Tra metapolitica e politica 

Dialoghi con Danielle Cohen-Levinas

 

tr. it. e cura di Giuseppe Pintus

 

 

Collana Au dedans, au dehors

Anno 2013

ISBN: 9788890700668

Pagine: 136

Formato: 15x21 cm

Prezzo € 18,00

 

 

 

Compra cartaceo su IBS

Compra cartaceo su Amazon

 

Compra e-book su Google libri

Compra e-book su Torrossa

 

 

Dalla quarta di copertina:

 

Quando ho incontrato l’opera di Levinas, una questione si è posta naturalmente: quest’opera aveva qualcosa da apportare alla riflessione sulla politica o bisognava collocarla, al contrario, come si tendeva a fare, solo dalla parte dell’etica, considerando anche che vi era in questo filosofo, se non un disprezzo, almeno una mancanza di considerazione della politica? Molto presto, quest’ultima posizione mi è apparsa del tutto inesatta. Sono rimasto infatti impressionato dal testo che Levinas aveva dedicato alla critica dell’hitlerismo nel 1934 nella rivista Esprit, «Alcune riflessioni sulla filosofia dell’hitlerismo». Ciò che allora mi aveva colpito è che questo filosofo, che si diceva essere estraneo o indifferente ai problemi politici, aveva visto le cose con molta più perspicacia e precisione rispetto a dei pensatori che si consideravano specialisti della politica o delle lotte sociali e che, in realtà, non avevano assolutamente misurato ciò che rappresentava l’hitlerismo. A partire da quel momento, ho sempre pensato che Levinas avesse un senso del politico, come avrebbero confermato ai miei occhi alcuni testi di Difficile libertà. […] Presto, dunque, il respiro e il gesto di quest’opera mi sono apparsi non solamente nella loro aspirazione utopica, ma nel loro tentativo di pensare la politica secondo un altro paradigma rispetto a quelli classici. (M. A.)

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Potrebbe interessarti anche
Please reload