Margini | 6


Luciano Curreri

Il non memorabile verdetto dell'ingratitudine

Seguito dai Sei pensieri grati e gratis

Collana Margini

Anno 2020

Numero 6

ISBN: 9788855292108

Pagine: 128

Formato: 15x21 cm

Prezzo € 12,00

Presto disponibile



Dalla quarta di copertina:


Distopia arrischiata e originale, Il non memorabile verdetto dell'ingratitudine è libello schietto, colto e ruvido, comico e tragico insieme. L’anti-eroe, condannato per plagio da una gravosa e non identificata Azienda, ha l’unica colpa d’aver provato ad aiutare un paio di giovani impiegati della stessa. Nei limiti di una surreale e postuma condizione, un narratore improduttivo affida il racconto a una specie di manoscritto sopravvissuto come carne e carta scannerizzate da remoto e spiritico supporto. La bizzarra interilla che vi si incastona è trovata anti-narrativa dell’autore, tesa a ribadire una corporea fiducia nel collettivo d’un disperso e disseminato impegno umanistico, che i Sei pensieri grati e gratis si impegneranno a canzonare.

Luciano Curreri (Torino 1966) insegna lingua e letteratura italiana all'Université de Liège dal 2002. L’ultimo suo testo narrativo, Volevo scrivere un'altra cosa, uscito da Passigli nel 2019, è stato proposto da Barbero allo Strega. Tra i lavori saggistici: Le farfalle di Madrid (2007, tr. sp. 2009), D’Annunzio come personaggio (2008), L’elmo e la rivolta (2011, con G. Palumbo), Il peplum di Emilio (2012), L’Europa vista da Istanbul (2014), Misure del ritorno (II ed. 2016), Play it again, Pinocchio (2017), La Comune di Parigi e l’Europa della Comunità? (2019).



Potrebbe interessarti anche

© 2018 - by Inschibboleth edizioni

di Inschibboleth soc. coop. 

info@inschibbolethedizioni.com

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle