Quaderni dell'Archivio Giuridico Sassarese | 1



Stefania Fusco

Specialiter autem iniuria

dicitur contumelia

Collana Quaderni dell'Archivio Giuridico Sassarese

Anno 2020

ISBN: 9788855291354

Pagine: 288

Formato: 17x24 cm

Prezzo € 24,00

Acquista cartaceo su IBS

Acquista cartaceo su Amazon




Dalla quarta di copertina:

Il saggio si occupa del delitto di iniuria, la cui individuazione risale all’età più antica della civitas romana e già disciplinato nelle XII Tavole: se ne analizzano gli sviluppi che dapprima videro l’abbandono della pena del taglione, inizialmente sostituita dalla pactio - la composizione stragiudiziale - e poi da una pena pecuniaria, determinata dal giudice, e, con il tempo, una modificazione nell’ambito di applicazione. In particolare, il pretore fece rientrare nel concetto di iniuria le offese morali, arrecate all’onore e al decoro della persona, che divennero progressivamente il principale contenuto di questo delitto, accogliendo quella che doveva essere, molto probabilmente, una elaborazione giurisprudenziale. L’estensione avvenne attraverso l’emanazione di specifici editti, oggetto principale dell’indagine, che contemplavano singolarmente diverse offese morali ed erano accomunati dal medesimo rimedio processuale. Si trattava degli editti: De convicio, De adtemptata pudicitia, Ne quid infamandi causa fiat, De iniuriis quae servis fiunt, De noxali iniuriarum actione, Si ei, qui in alterius potestate erit, iniuria facta esse dicetur, e De contrario iniuriarum iudicio.

Ricercatrice presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Sassari; autrice di un lavoro monografico dal titolo Oriens de nocte silentio: alcune riflessioni sulla dittatura imminuto iure e di diversi articoli in tema di iniuria.


Potrebbe interessarti anche