© 2018 - by Inschibboleth edizioni

di Inschibboleth soc. coop. 

info@inschibbolethedizioni.com

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle

Call for papers n. LVII - Fuori luogo

Scadenza: 31 marzo 2018

 

La redazione della rivista di filosofia “Il Pensiero” seleziona contributi originali in forma di saggi e recensioni per il fascicolo dedicato al tema

Fuori Luogo


Il termine ultimo per la presentazione dei contributi è il 31 marzo 2018; la risposta sarà comunicata dalla redazione entro il 30 aprile 2018.
L’uscita del fascicolo è prevista per giugno 2018.

 

Se «il concetto dello spirito ha la sua realtà nello spirito», come scrive Hegel in apertura della sezione dell’Enciclopedia dedicata allo spirito assoluto, allora è chiaro che il suo semplice aver luogo sta sotto un altro titolo: non già quello della realtà, ma quello della «esistenza esterna e comune» in cui lo spirito si «dirompe». È però a questa esistenza esterna e comune, nei luoghi istituzionali in cui le forme dello spirito prendono casa, che vorremmo porre attenzione, non avendo più la capacità enciclopedica di ricapitolarle tutte nel concetto, o nell’Idea che pensa se stessa. Qual è oggi – questa è la questione che funge da filo conduttore al fascicolo – il rapporto che arte, religione, filosofia intrattengono con le istituzioni che l’organizzazione sociale destina loro: il museo, la Chiesa, l’università? Non ne sono sempre più lontane? E anche la politica: non è essa segnata da un sempre maggiore distacco di bisogni, interessi e domande, che faticano ad articolarsi politicamente, dai luoghi deputati, dalle istituzioni della democrazia rappresentativa? Quale significato, quale ampiezza e quale possibile decorso ha questo fenomeno di presa di distanza, se non di vera e propria defezione? È possibile interrogarlo filosoficamente, nel suo complesso ma anche – anzi: soprattutto – nello specifico di quel che accade in ciascuno degli ambiti indicati, andando oltre la pur necessaria ricognizione storico-sociologica?

 

Il fascicolo sarà a cura di Massimo Adinolfi e si aprirà con l’ormai consueto Corsivo, a firma di una personalità di spicco del panorama letterario e artistico contemporaneo. Seguirà la sezione dei contributi tematici, tra i quali alcuni saranno scelti tramite Call for papers.
La proposta di saggi per la pubblicazione deve essere inviata alla redazione della casa editrice in formato elettronico all’indirizzo redazione@inschibbolethedizioni.com. L'articolo deve rispettare le norme relazionali che si trovano in fondo alla presente pagina. Nella mail che accompagna l’articolo gli autori devono dichiarare che il loro testo non è mai stato pubblicato, né simultaneamente sottoposto o già accettato per altre pubblicazioni. I saggi potranno essere in una lingua a scelta tra italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco e di massimo 45000 battute, spazi e note incluse; dovranno rispettare le norme redazionali che si trovano a fine dalla presente pagina. Dovranno, inoltre, essere accompagnati da un abstract di massimo 1500 battute in italiano e in inglese (l’abstract non è richiesto per le recensioni).
Dopo la prima lettura la redazione invia la proposta di articolo per un esame critico a due lettori anonimi (peer review) per la valutazione dei contributi proposti per la pubblicazione. Gli esiti della valutazione (accettato, rifiutato, proposta di modifica) vengono comunicati in seguito all’autore. Le recensioni saranno valutate dalla redazione senza referaggio.

 

Norme redazionali

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Potrebbe interessarti anche
Please reload